Categoria: Papercraft

Budapest POP-UP Book

pop

Livia Hasenstaub è una graphic designer di Budapest, Ungheria. Finisce gli studi di perfezionamento al MOME (Moholy-Nagy Università di Arte e Design di Budapest) e sperimenta attraverso forme geometriche e tipografia. Realizza questo libro pop-up con l’ obiettivo di utilizzare un modo semplice di piegare la carta, in combinazione con gli schemi classici. Crea qualcosa di semplice ma espressivo per aggiornare le forme convenzionali dei diagrammi. Attraverso le tre dimensioni rappresenta i dati riguardanti la sua città, Budapest, dalla popolazione, alla zona, fino ai dati riguardanti la fornitura di acqua naturale.

pop0Relazioni sulla popolazione fra l’Ungheria e Budapest
pop9Relazioni sulla popolazione nell’area dei distretti di Budapest: x= area y= popolazione
pop8Altezze di cinque colline dal più basso al più alto ( Buda )
pop6Approvvigionamento idrico di Budapest

 

Per conoscere altri lavori di questa giovane graphic designer, visitate il suo portfolio QUI

Matteo Giuseppe Pani: Water vs Fast Food

Ecco un progetto di Matteo Giuseppe Pani, nato a Cagliari nel 1989, trasferitosi a Milano per approfondire la sua conoscenza nel settore della grafica. In questo progetto di infografica rappersenta in modo interessante ed attraente il legame tra consumo di acqua e la produzione di fast food. Realizza tutti gli oggetti a mano, combinando diverse tecniche di piegatura della carta per ottenere il miglior risultato.

pani4

pani3

pani2

pani5

pani7

pani8

pani9

Visitate il suo sito per conoscere altri lavori molto interessanti

Tien-Min Liao: Illustrazioni di carta per promuovere Taiwan

Tien-Min è nata e cresciuta a Taipei, Taiwan. Dopo la laurea in pubblicità presso Chengchi National University in Taiwan, ha ottenuto la borsa di studio del Ministero della Pubblica Istruzione per promuovere la sua formazione al Pratt Institute.
“Ilha Formosa” (2011) non è solo un libro con una raccolta di carta-illustrazioni, ma anche un libro-infografica. Le illustrazioni tattili evidenziando varie informazioni su Taiwan, altrimenti conosciuto come Ilha Formosa, che significa bella isola in portoghese.
Questo set comprende la promozione di un libro, di un segnalibro e di un poster, ognuno dei quali è stato progettato per introdurre Taiwan.
Racconta: ” Quando sono arrivata negli Stati Uniti, ho notato che molte persone non conoscono la mia città natale Taiwan. Alcune persone, addirittura, non riconoscono la differenza tra Taiwan e la Thailandia, solo perché suonano allo stesso modo. Come designer, penso che dovrei fare qualcosa per promuovere questa bellissima isola.
Mi piacerebbe fare qualcosa di molto diverso dagli altri libri su Taiwan. Sicuramente non sarebbe una guida turistica, né un libro noioso. Dovrebbe essere interessante e casual, ma anche chiaro nel fornire le informazioni su Taiwan”

Tien-Min Liao Website

Pattern Matters : Infografiche 3D

PM

Pattern Matters ha realizzato tre poster in formato 3D, uno per argomento trattato. Non solo ogni pezzetto di carta rappresenta una percentuale, ma viene anche mostrata visivamente attraverso l’uso di un colore diverso. I manifesti rappresentano la frequenza dei gruppi sanguigni nella popolazione dei donatori di Singapore, l’energia del petrolio a livello mondiale, del gas e del carbone, e le morti causate da HIV, la malaria, suicidio, alcol e circolazione stradale.
Pattern Matters è un progetto di graphic design che cerca di ispirare i designer a guardare un pattern da una varietà di angolazioni diverse. Il progetto è una raccolta di infografiche 3D fatte a mano che offrono diversi modi per rafforzare il ruolo del pattern nella progettazione, incoraggiando l’esplorazione tattile. L’obiettivo principale del progetto è quello di dimostrare che pattern è un elemento cruciale nella progettazione grafica, e non semplicemente uno strumento di decorazione.”

pm1

pat1

pm5Fonte: www.draft.it

Dear Gretchen

Dear Gretchen è un libro che indaga su tutte le lettere che l’autore, Gretchen Haas, ha conservato dalla sua infanzia.
Il libro è diviso in 4 sezioni: amici, fidanzati, famiglia, e i non inviati (lettere che Gretchen ha scritto, ma non ha mai inviato per un motivo o per un altro).
Sono stati costruiti dei grafici per rivelare la frequenza delle parole e ciascuna delle 187 lettere sono state accuratamente documentate all’interno del libro. L’autore utilizza la carta per realizzare la maggior parte dei grafici all’interno del libro, come simbolo universale di infanzia.
Un’ottima idea ben sviluppata per archiviare tutte le lettere in un formato più utilizzabile.

See more : http://www.gretchenetc.com/deargretchen.html