Categoria: Cultura & Politica

EMOTO2012

olympics Il progetto Emoto cattura e visualizza l’entusiasmo intorno ai Giochi Olimpici di Londra 2012. Oltre 12 milioni di tweets, che sono stati raccolti durante l’esecuzione del progetto, sono ora conservati in una scultura di dati unica, che serve come archivio aggregato della risposta collettiva ai giochi. L’Archivio come un’installazione interattiva emoto-installation-05 Il cuore dell’impianto è una scultura di dati fisici composto da 17 oggetti, ciascuno in rappresentanza di tutti i tweet che sono stati raccolti durante una giornata delle Olimpiadi. Successivamente sono state propiettate sulla scultura mappe di calore individuali per i temi più interessanti che abbiamo identificato osservando Emoto durante i Giochi. Gli utenti sono stati in grado di navigare attraverso questi temi utilizzando un controller interattivo ed esplorare così  l’archivio. Il secondo elemento chiave per l’installazione è lungo 9,50 metri, rappresentando una panoramica di alto livello su Londra2012 vista da Emoto. http://vimeo.com/49679699 Emoto era parte del London 2012 Festival ed è stato presentato durante la celebrazione di chiusura delle Olimpiadi della Cultura di Londra 2012, We Play Expo, 7-9 settembre 2012 a Preston in Inghilterra. Per conoscere nel dettaglio tutto il progetto Emoto2012 visitate il sito emoto2012.org Documentazione del progetto by StudioNAND

Annunci

Common Sense Art: Esporre i dati dietro il sogno americano

common1

Craig Stover e Karl Sluis, neolaureati presso il College for Creative Studies di Detroit, hanno riesaminato cosa significa ” vivere il sogno americano ” attraverso la grande scala, la visualizzazione dei dati fisici di informazioni e statistiche che mettono in risalto le diverse parti dell’esperienza americana.
Common Sense [commonsense-art.com] è una mostra d’arte che esamina gli aspetti più importanti che determinano il sogno americano. Attraverso una collezione di 13 opere basate su diversi dati, vengono  presentate doverse ipotesi circa la storia degli Stati Uniti, vengono mostrati gli obiettivi e i sogni dei suoi cittadini  e  alcune delle disuguaglianze nella società statunitense.

Prendete per esempio This or That”, una visualizzazione di come le nostre priorità sono bilanciate monetariamente, e come si confronta  lo schema piramidale Bernie Madoff:

Il Dow Jones Industrial Infantr, visualizza le dimensioni delle 30 aziende più grandi sull’indice Dow Jones. Wal-mart emerge di gran lunga come il più grande giocatore:

common2

“Investing in the Future” è un grafico che confronta l’investimento di ogni stato nell’istruzione pubblica:

common3

The [insert country] Dream” è  una semplice visualizzazione di come la mobilità economica degli Stati Uniti a confronto VERAMENTE in altri paesi con economie leader in Europa:

common4

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Common Sense Art.

Le Tendenze di Facebook: 2012

Facebook-pubblica-la-mappa-interattiva-delle-amicizie-del-mondo_2

Quali sono stati i contenuti più social in Italia nel 2012? Ed i luoghi del nostro paese con più registrazioni da parte degli utenti Facebook?
Facebook Stories racchiude queste e molte altre curiosità nella pagina dedicata alle tendenze del nostro Paese.
Dopo Year in Review, Facebook ci regala quindi la possibilità di capire quali sono stati gli argomenti più di tendenza in Italia nel 2012. Così puoi scoprire che la canzone più ascoltata sulla piattaforma è Nothing But The Beat di David Guetta e che il luogo più visitato dagli utenti di Facebook è Piazza San Marco a Venezia.

fb-movies-584

fb-music-584

fb-memes-584

fb-books-584

fb-television-584

fb-tech-584

fb-public-figures-584

Per tutte le altre curiosità sul Facebook 2012 degli italiani clicca qui.

Budapest POP-UP Book

pop

Livia Hasenstaub è una graphic designer di Budapest, Ungheria. Finisce gli studi di perfezionamento al MOME (Moholy-Nagy Università di Arte e Design di Budapest) e sperimenta attraverso forme geometriche e tipografia. Realizza questo libro pop-up con l’ obiettivo di utilizzare un modo semplice di piegare la carta, in combinazione con gli schemi classici. Crea qualcosa di semplice ma espressivo per aggiornare le forme convenzionali dei diagrammi. Attraverso le tre dimensioni rappresenta i dati riguardanti la sua città, Budapest, dalla popolazione, alla zona, fino ai dati riguardanti la fornitura di acqua naturale.

pop0Relazioni sulla popolazione fra l’Ungheria e Budapest
pop9Relazioni sulla popolazione nell’area dei distretti di Budapest: x= area y= popolazione
pop8Altezze di cinque colline dal più basso al più alto ( Buda )
pop6Approvvigionamento idrico di Budapest

 

Per conoscere altri lavori di questa giovane graphic designer, visitate il suo portfolio QUI

ART + COM

ART + COM, è specializzata nella traduzione di contenuti in ambienti spaziali utilizzando media interattivi. Sin dagli albori del genere, l’azienda è stata un pioniere di media design, arte, tecnologia e ricerca. Il suo personale qualificato interdisciplinare sviluppa progetti innovativi in ​​tutti i formati che vanno dalle installazioni interattive ai singoli allestimenti multimediali,dagli ambienti interattivi alle architetture interattive.
A nome del tedesco Hygiene-Museum di Dresda, ART + COM ha sviluppato una striscia di statistiche per la mostra “Work. Significato e preoccupazione” per visualizzare ed elaborare grandi volumi di dati e fatti.
Come un tema ricorrente, la striscia di alluminio nero si piega lungo le pareti e si allarga, di tanto in tanto, in grafici e diagrammi di vario tipo: le linee 3-D, le superfici e le colonne, mostrano in modo ampio e trasparente informazioni di base e dettagli sorprendenti.
Inoltre, sette stazioni interattive multimediali con proiezioni sono integrate nella striscia, dove i visitatori possono modificare diversi parametri ruotando le manopole e quindi recuperare i vari dati. 50 piccoli monitor contrastano i dati sul muro con prospettive individuali: con touch screen, vengono incorporate nella striscia di statistiche,interviste a oltre 100 persone.

– Screenshot

Statistics Strip - visitors, bar diagram and iPod touch

Statistics Strip - aluminum dibond statisitc

Statistics Strip - Hygiene Museum Dresden, Stefan Helling

Statistics Strip - interactive projected statistic, augmentation

Fonte: ffffound.com

Il progetto Tidy Street

tidystreet_hr
Numerose ricerche hanno dimostrato che il consumo di energia domestica può essere ridotto fornendo alle famiglie un feedback sul loro consumo.
Nei mesi di marzo e aprile 2011 , le famiglie partecipanti su Tidy Street, a Brighton , UK , hanno registrato il loro consumo di energia elettrica attraverso il progetto Tidy Street. Ogni giorno veniva segnato l’utilizzo di energia elettrica da parte dei partecipanti nel corso delle precedenti 24 ore, e ogni settimana i partecipanti potevano scegliere di aggiungere un’altra linea di confronto che mostrava il rapporto fra il loro consumo e un’altra regione nel Regno Unito o addirittura di un paese diverso.
I residenti , in collaborazione con l’artista di graffiti locale Snub , hanno prodotto un infografica su strada coinvolgente che ha stimolato i passanti a riflettere sul loro utlizzo dell’ energia elettrica .
Molti dei partecipanti sonostati intervistati, così come il creatore del progetto , Jon Bird dall’ Open University . “E ‘stato interessante vedere l’entusiasmo nel progetto e di come gli inquilini sono diventati consapevoli sugli apparecchi che consumano la maggior parte dell’ energia elettrica  , nonché hanno acquisito una conoscenza generale su come ridurre il loro consumo , con una conseguente riduzione di utilizzo del 15% .
Sicuramente un modo divertente per coinvolgere e interessare le persone sul tema del risparmio energetico.

the_tidy_street_project_urbanized_collabcubed

The Tidy Street Project fa parte di CHANGE, una collaborazione di ricerca finanziata da ” The Open University , Goldsmiths , Sussex University e Nottingham University ” .

Fonte: Change Project

Quando L’Infografica Incontra La Fotografia

jan6

Janelle Aarts è una ragazza olandese di 22 anni che ha studiato Graphic Design e Fotografia presso il Liceo Grafico di Rotterdam e successivamente presso l’Accademia Willem de Kooning.

Realizza questa interessante serie di infografiche sul riciclo della plastica in Olanda in Marzo 2012:

jan_!In questo momento, le bottiglie depositate rappresentano solo il 5% del flusso di rifiuti

jan_2

jan_3Il 95% delle grandi bottiglie in plastica può essere riciclato

jan_4Kg di emissioni di CO2 evitate per ogni tonnellata di rifiuti in plastica

jan_5