Categoria: Arte e Design

EMOTO2012

olympics Il progetto Emoto cattura e visualizza l’entusiasmo intorno ai Giochi Olimpici di Londra 2012. Oltre 12 milioni di tweets, che sono stati raccolti durante l’esecuzione del progetto, sono ora conservati in una scultura di dati unica, che serve come archivio aggregato della risposta collettiva ai giochi. L’Archivio come un’installazione interattiva emoto-installation-05 Il cuore dell’impianto è una scultura di dati fisici composto da 17 oggetti, ciascuno in rappresentanza di tutti i tweet che sono stati raccolti durante una giornata delle Olimpiadi. Successivamente sono state propiettate sulla scultura mappe di calore individuali per i temi più interessanti che abbiamo identificato osservando Emoto durante i Giochi. Gli utenti sono stati in grado di navigare attraverso questi temi utilizzando un controller interattivo ed esplorare così  l’archivio. Il secondo elemento chiave per l’installazione è lungo 9,50 metri, rappresentando una panoramica di alto livello su Londra2012 vista da Emoto. http://vimeo.com/49679699 Emoto era parte del London 2012 Festival ed è stato presentato durante la celebrazione di chiusura delle Olimpiadi della Cultura di Londra 2012, We Play Expo, 7-9 settembre 2012 a Preston in Inghilterra. Per conoscere nel dettaglio tutto il progetto Emoto2012 visitate il sito emoto2012.org Documentazione del progetto by StudioNAND

Annunci

Gemma Warriner: Twenty-Fifty

Gemma_Warriner_5 Twenty-Fifty è una esplorazione visiva della crisi alimentare globale prevista per il 2050 a causa della incapacità delle risorse naturali della terra di soddisfare la domanda futura. L’artista Gemma Warriner presenta una serie di 8 visualizzazioni di dati, associando a ciascuna un problema responsabile di questa crisi futura. Attraverso una ricerca fotografica sul cibo, che utilizza per la visualizzazione dei dati, Gemma Warriner intende educare i consumatori su come potrebbe evolversi il futuro. Gemma_Warriner_1 Gemma_Warriner_2 Gemma_Warriner_3 Gemma_Warriner_4 Fonte: www.theloop.com.au

Common Sense Art: Esporre i dati dietro il sogno americano

common1

Craig Stover e Karl Sluis, neolaureati presso il College for Creative Studies di Detroit, hanno riesaminato cosa significa ” vivere il sogno americano ” attraverso la grande scala, la visualizzazione dei dati fisici di informazioni e statistiche che mettono in risalto le diverse parti dell’esperienza americana.
Common Sense [commonsense-art.com] è una mostra d’arte che esamina gli aspetti più importanti che determinano il sogno americano. Attraverso una collezione di 13 opere basate su diversi dati, vengono  presentate doverse ipotesi circa la storia degli Stati Uniti, vengono mostrati gli obiettivi e i sogni dei suoi cittadini  e  alcune delle disuguaglianze nella società statunitense.

Prendete per esempio This or That”, una visualizzazione di come le nostre priorità sono bilanciate monetariamente, e come si confronta  lo schema piramidale Bernie Madoff:

Il Dow Jones Industrial Infantr, visualizza le dimensioni delle 30 aziende più grandi sull’indice Dow Jones. Wal-mart emerge di gran lunga come il più grande giocatore:

common2

“Investing in the Future” è un grafico che confronta l’investimento di ogni stato nell’istruzione pubblica:

common3

The [insert country] Dream” è  una semplice visualizzazione di come la mobilità economica degli Stati Uniti a confronto VERAMENTE in altri paesi con economie leader in Europa:

common4

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Common Sense Art.

Gethin Hayman: Esporre la verità

war

Gethin Hayman è un Graphic Designer di Cardiff, Regno Unito, appassionato di fotografia digitale e tradizionale.
Realizza il progetto ” Exposing the Truth” con l’intento di informare il pubblico su alcune statistiche e fatti sconvolgenti, in modo creativo e non convenzionale. Utilizzando diversi media e materiali, non realizza il solito formato poster infografica, bensì una curata infografica tridimensionale.

war0

war1

war2

war3

war4

war5

war6

war7

Per vedere altri lavori visitate il sito personale di Gethin Hayman

Realitat: Paesaggi sonori in 3D

microsonic1a

Microsonic Landscape viene definita come un’ esplorazione algoritmica della musica che amiamo. Ogni album propone un nuovo viaggio spaziale e unico, trasformando il suono in materia / spazio.
Utilizzando un algoritmo specifico e una stampante MakerBot 3D, ogni “Microsonic Landscape” rappresenta un album (e non una sola musica), tra cui “Thrid” Portishead o “Pink Moon” di Nick Drake. I cinque esemplari di Microsonic Landscapes partono da altrettanti dischi, diversissimi tra loro: dall’abisso minimalista di Arvo Pärt ai grattacieli della metropoli trip-hop dei Portishead, dagli appassionati ma regolari strati di malinconia di Antony & the Johnsons alla cupa foresta sonora di Nick Drake, fino al selvaggio picco tolkeniano degli Einstürzende Neubauten.

microsonic4modello 3D di Für Alina di Arvo Pärt

microsonic5modello 3D di Third dei Portishead

microsonic6modello 3D di Another World di Antony & the Johnsons

microsonic7modello 3D di Pink Moon di Nick Drake

microsonic8modello 3D di Jewels degli Einstürzende Neubauten

Fonte: 3ders.org

Domestic Data Streamers at SWAB

451965833_640

Domestic data Streamers è un team di progettisti e ricercatori di Barcellona, essi sviluppano e propongono nuovi metodi basati sulla co-creazione e l’interazione attraverso un’ esperienza hands-on . Creano veri e propri impianti dati spazio-tempo , interagendo con le persone e ciò che li circonda .
Questo progetto è stato sviluppato per  SWAB (Fiera Internazionale d’Arte di Barcellona),  con l’obiettivo principale di visualizzare i dati in tempo reale e in modo analogico.
Essendo in un’ambiente artistico, il team si è concentrato sulla predisposizione verso la comprensione dei significati artistici . E’ stata proposta alle persone la seguente domanda: scegliere tra un cucchiaio o una forchetta .
Questa informazione è stata contrapposta ai dati personali , come ad esempio lo stato sociale o il peso dei partecipanti .
Attraverso un sistema a nodo è stato generato un grafico che ha permesso di avere un’idea completa del profilo degli assistenti della fiera , oltre ad avere i dati in tempo fisico e reale.

669e5ed3748778fd69c0069a01b6df83

stre

stre2

stre4

stre5

stre6

stre8

Fonte: domesticstreamers.com

Paul May: From Over Here

Paul_May-From_Over_Here-03

Paul May è un designer irlandese che attualmente studia presso l’ Interactive Telecommunications Program della New York University.
Recente ci ha impressionato con il suo progetto “Photo Plus” per la ITP spettacolo invernale, utilizzando i codici QR per aggiungere una dimensione fisica alla narrazione fotografica.

paul_may-photo-plus

Per il suo ultimo progetto, “From Over Here”, esplora i dati di visualizzazione  come un oggetto fisico tangibile: ha prodotto una serie di schede di cartone tagliate a laser, una per ogni mese, tra il 1992 e il 2010, che variano in lunghezza secondo un criterio significativo personale per lui:

“From Over Here è una rappresentazione fisica di articoli del New York Times tra il 1992 e il 2010. Ogni scheda di cartone rappresenta un mese di articoli su o in relazione all’Irlanda. La dimensione del cartone rappresenta il numero di articoli di quel mese. Le persone e gli argomenti citati negli articoli sono incise su ogni cartoncino.”

From Over Here—Paul May—Irish news3

“From Over Here” aggiunge un nuovo livello di ricchezza ai media tradizionali, risultando coinvolgente nella rappresentazione di un grande insieme di dati per gentile concessione di L’API New York Times.

From Over Here—Paul May—Irish news2http://www.core77.com/blog/object_culture/from_over_here_a_physical_representation_of_news_mentions_18793.asp

Altre foto del progetto sono disponibili su Paul May’s Flickr.

Fonte: www.core77.com